La settimana scorsa abbiamo parlato di un servizio molto utile per presentare la casa nel migliore dei modi: l’home staging. Stavolta iniziamo il weekend parlando di come presentare la propria casa senza avvalersi di questo servizio ma con 5 piccoli suggerimenti che possono fare la differenza sulla prima impressione dell’acquirente …ed è questa che sarà determinante nella scelta! I problemi pratici si risolveranno dopo e solo se l’impressione a primo impatto sarà stata positiva. Coinvolgiamo i sensi in maniera soft ma determinante.

1. ORDINE

L’occhio vuole la sua parte! Sembra scontato, lo so, ma non lo è affatto. Entrare in una casa piena di oggetti di vario genere e magari in disordine, può distogliere l’attenzione facendo passare in secondo piano elementi importanti della casa, inoltre un ambiente ordinato crea serenità emotiva che consentirà al visitatore di godersi maggiormente la visita! rendiamola l’ambiente meno personale possibile se si può…il cliente non deve avvertire di sentirsi in casa “vostra”.

2. ODORI

Spesso la nostra casa odora di noi, delle nostre abitudini, standoci a contatto tutti i giorni ripetutamente ci abituiamo, magari odori della cucina o anche delle semplici sigarette o dei nostri amici a quattro zampe . Cerchiamo di neutralizzare l’elemento “odore” il più possibile, teniamo in considerazione che tutti amiamo gli animali ma non tutti gradiscono la loro presenza in casa, come non tutti amano la stessa cucina…cerchiamo di far prendere aria alla nostra casa prima di presentarla agli appuntamenti, magari utilizziamo un profumo molto tenue.

3. MUSICA DI SOTTOFONDO

Ascoltare un sottofondo musicale durante la visita della vostra casa è un ottimo modo per creare un ambiente rilassante e un po’ più familiare. Girare per casa immaginarsi in quegli ambienti con della musica in sottofondo può essere più piacevole ed emotivamente molto coinvolgente.

4.CANDELE

E per unire il profumo all’atmosfera, perché non utilizzare delle candele! donano un tono caldo e morbido all’abitazione e sono ottime decorazioni che possono essere poste sopra qualsiasi superficie e se ne trovano di forme, colori e dimensioni diverse, così da abbinarle meglio all’ambiente.

5. LUCI ACCESE E PORTE APERTE

La casa deve essere “Aperta” al nuovo acquirente. Questa è la sensazione che deve percepire, non solo dalla gentilezza di chi apre casa, ma dalla casa stessa! Aprite tutte le porte e lasciatele tutte aperte, bagni e ripostigli compresi, di modo che il cliente possa girare per casa e tornare negli ambienti più volte, senza che debba sentirsi a disagio. Deve essere possibile vedere anche cosa c’è dietro i vetri di casa e quindi tutte le persiane devono essere alzate; stanze con persiane chiuse tendono a creare ansia. La luce accesa donerà ancora più atmosfera a tutto! Spegnete e chiudete tutto solo dopo che avrete salutato il vostro probabile acquirente.

DISCREZIONE

Se vi avvalete di un agente, avrete già spiegato tutto a lui e lasciate che sia lui a parlare con l’acquirente. Se riuscite, fatevi in disparte e lasciate che la persona interessata faccia al consulente le domande che riterrà più opportune e magari più imbarazzanti….quelle che a voi non farebbe mai per delicatezza. Parlare con un estraneo e non con il proprietario rende tutto più facile.

Insomma, poche accortezze che possono fare la differenza a cui spesso non pensiamo.

Se l’articolo vi è piaciuto fatecelo sapere con un commento, siamo curiosi di sapere le vostre idee su cos’altro possa aiutare la presentazione della casa!

Se vuoi chiedere l’aiuto di un agente esperto che ti assista nella vendita o nell’affitto della tua abitazione ti lasciamo i nostri contatti in fondo alla pagina, non ci resta che augurarvi un buon fine settimana

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *